COPPA ITALIA. GENOA-ENTELLA 9-10
Sito dei Grifoni   
 

Il Genoa di Juric è riuscito a farsi eliminare dalla Virtus Entella, formazione di serie C, ai calci di rigore. Risultato finale 9-10. Tempi regolamentari 2 a 2, dopo supplementari 3 a 3. Il Genoa ha segnato tre gol su rigore, c’erano, ma in ogni caso non su azione. Due calciati da Piatek, uno da Lapadula. L’Entella ha segnato tre gol su azione. Juric non è riuscito a vincere ne’ nei 90 minuti di gioco, quando invece ha dovuto recuperare per due volte il vantaggio dei chiavaresi, ne’ nei tempi supplementari quando all’ultimo secondo del minuti di recupero concesso dall’arbitro l’Entella ha pareggiato.

Una partita fra “seconde linee” fino ad un certo punto. Incredibilmente Juric ha spompato il suo capocannoniere Piatek per 120 minuti e lo ha fatto a 72 ore dalla sfida importantissima con la Spal. Un impiego rischiosissimo non solo per le energie da recuperare, ma anche per tutte le possibili conseguenze di gioco. Piatek ha ripagato con due gol su rigore e colpendo due pali. Il portiere Paroni è stato protagonista, durante la partita, ma anche Marchetti si è dovuto esibire in un paio di interventi salva risultato.

Fra le altre assurdità della serata, il mancato schieramento fra i titolari di Bessa, squalificato in campionato. Le soluzioni assurde sulla fascia sinistra dove ad un certo punto abbiamo visto Omeonga, sembrato pesciolino fuor d’acqua, poi sostituito da Veloso che non ha la gamba per la fascia e non ha chiuso in difesa sul secondo palo permettendo il secondo gol dei biancocelesti. Per non usare per mezzora Lazovic preservato per contrastare Lazzari della Spal.

Squadra allo sbando, anzi una non-squadra. Male molti giocatori, tecnicamente. Rari i traversoni decenti. Qualche giocatore macchinoso nei movimenti. Insomma un mezzo disastro che Juric ha pagato con l’esonero, infatti da domani il Genoa sarà affidato a Prandelli. Lapadula ha sbagliato un gol ad inizio partita da mezzo metro, ne ha sbagliato un altro sul 3 a 2. Ha segnato il rigore del 3 a 2 e poi ha baciato la maglia. Ha sbagliato invece il rigore decisivo della cosidetta "lotteria" che ha sancito l'eliminazione del Genoa.

Pubblico pochissimo e arrabbiato con il presidente del Genoa. Male gli insulti ad alcuni giocatori. Buon numero di tifosi arrivati da Chiavari, hanno giustamente festeggiato una qualificazione che permetterà alla squadra di Chiavari di affrontare la Roma, magari al Comunale.

Juric al Genoa è stato devastante e ha lasciato macerie in tutto l’ambiente. Qualcuno credeva fosse maturato e capace di ottenere buone cose con questa rosa che tra l’altro lo ha difeso fino in fondo. Affondando insieme a lui.



RETI: 20' pt Icardi, 27' pt Piatek (rig), 83' st icardi, 86' st Piatek (rig), 110' Lapadula (rig), 120' Adorjan

GENOA: Marchetti, Biraschi, Lopez, Zukanovic, Romulo, Omeonga ( 37' s.t. Veloso), Rolon (1' sts Sandro), Pereira (13' st Bessa), Medeiros (13' st Pandev), Piatek, Lapadula. All. Juric

ENTELLA: Paroni, Cleur, Belli, Zigrossi (30' st Baroni), Crialese, Icardi, Di Paola, Ardizzone (4'pts Paolucci), Martinho( 18' st Nizzetto), Petrovic (19' st Mota), Adorjan. All. Boscaglia

RIGORI: Mota gol, Bessa fuori, Nizzetto gol, Veloso gol, Baroni parato, Sandro gol, Belli gol, Biraschi gol, Paolucci gol, Piatek gol, Di Paola gol, Zukanovic gol, Icardi gol, Romulo gol, Adorjan gol, Lapadula parato

AMMONITI: Belli, Adorjan, Lopez, Nizzetto, Paolucci, Di Paola

ARBITRO: Marini di Roma