Soggetto sportivamente fallito

Ricordiamo le parole pronunciate e riportate da Telenord dopo l'ultima risicata salvezza: "Non voglio assolutamente passare un altro anno così... Tanti bravissimi tifosi hanno sofferto tremendamente, e io prometto loro questo: non più un anno così".

Ovviamente ha fallito. E quindi adesso basta. Se ne deve andare perché i tifosi quelli bravi, non quelli da lui definiti "beceri", gli hanno dato "infinite" possibilità di rimediare agli errori commessi in questi anni. Risultato: ha sempre aggiunto errori agli errori, danni ai danni già fatti e la squadra stavolta ha poche chances di salvezza.

Una miriade di promesse non mantenute, di allenatori ingaggiati, di giocatori, di soldi buttati in stipendi elargiti a brocchi allucinanti o a prospetti inesperti sponsorizzati da "grandi" squadre. Senza senso tattico, incurante delle carenze nei ruoli chiave, con l'unico scopo della plusvalenza che ha ottenuto pure vendendo i "poppanti" delle giovanili. Come i pescatori di granchi che tirano su le nasse, lui pesca nel mare del mercato e riempie le stive di villa Rostan di "scarsi" che in qualche modo poi rivende. Negli ultimi 10 anni ha movimentato 205 giocatori. Pochi i fenomeni.

E se i giocatori non rendono, lui cambia il tecnico, non il metodo che prevede di affidarsi a un procuratore e attingere dalla sua "scuderia", così che il mercato quasi lo fanno gli agenti che muovono i propri giocatori per metterli in vetrina. Col benestare di Inter, Juve, Milan.

A ben vedere i tecnici li cambia anche quando i giocatori rendono. L'esonero di Ballardini, 12 punti in 7 partite, è stata la decisione più stupida vista nella mia vita di tifoso del Genoa. E non parliamo di Gasperini, pagato per andare a Bergamo a fare le fortune dell'Atalanta e di Percassi che in tutta onestà dichiarò: "Fortuna che dovetti offrire una cena a Preziosi per l'affare Gakpé. Da lì la proposta del patron rossoblù, che mi disse: 'Gasperini è libero, perché non lo prendete? Io ho chiuso per Juric'. Eravamo davvero sbigottiti, Gasperini è stata la miglior scelta possibile".

Umiliato Ballardini, al Genoa abbiamo visto Juric, Prandelli, Andreazzoli e Thiago Motta. In un anno solare. E' surreale l'intervista pubblicata nel giorno del derby da un giornale francese: "Darò a Thiago Motta tre giocatori adatti al suo gioco". Bene, vuol dire che ha affidato a Thiago Motta una rosa inadatta al gioco di Motta! Ma rimedierà, comprando tre giocatori, pur sapendo che Motta e il suo gioco se ne andranno presto perché "Thiago Motta fra due anni allenerà un top club". Intanto si apprende che Motta ha chiesto l'entità del budget a disposizione per il mercato di gennaio. Una richiesta incauta, che potrebbe costargli la panchina prima dell'arrivo dei tre giocatori utili al suo gioco! Tra l'altro uno dei tre doveva essere Tankovic, che il Genoa ha già ingaggiato senza il benestare di Motta. Proprio un bel modo di lavorare, non c'è che dire.

Ecco i risultati sportivi del Miglior Presidente Del Dopoguerra. Campionati colorati di marrone in serie, 5 vittorie nell'anno solare 2019. Un velo pietoso sui derby. In pratica ha ridotto il Genoa come il Benevento al primo anno di A. Anzi peggio. In quel Benevento Sandro giocava, da noi invece è pagato 900.000 euro netti per farsi gli affari suoi in Brasile.

Deve andarsene. Lasci in pace 19.000 abbonati e ceda la società senza pretendere chissà che cosa. Non servono sceicchi, bastano persone oneste, capienti abbastanza e capaci di delegare a chi sappia lavorare nel mondo del calcio. Ma lui ovviamente vuole fare una scelta "responsabile". Per il bene del Genoa. E allora "Trovatelo voi un cacchio di compratore".