Quel Torino Genoa ricostruzione storica [dal muro]
Numero Sei   
 

Per gli smemorati di Collegno che vogliono il sangue del Genoa (incredibilmente indigesto) ricordo che il Genoa si giocava le speranze di approdare ai preliminari di Champions. Era a pari punti con la Fiorentina che però andava a fare visita ad un Lecce quasi retrocesso. Nulla fa presupporre che i salentini avrebbero fatto la partita della vita ma è stato.

A Torino un Milito in lizza per vincere la classifica cannonieri segna il rigore (netto) dello 0:1 al 32mo del primo tempo. Ci vogliono “ben” 6 minuti perché il Toro pareggi con Ivan Francheschini. Ad inizio ripresa Ruben Olivera con punizione riporta in vantaggio il Genoa e dopo la bellezza di un minuto pareggia Rolando Bianchi al minuto 49.
Attenzione perché a Lecce se le stanno dando di santa ragione e incredibilmente al minuto 50 arriva la notizia del vantaggio giallo rosso segnato da Simone Tiribocchi. A quel punto l'eventuale vittoria del Genoa garantirebbe il sorpasso sulla Fiorentina e la possibilità di giocarsi in casa proprio con il Lecce (comunque condannato anche con la vittoria sui viola) l'approdo alla Champions! Diventa partita vera ed i due incontri procedono in un parallelismo tempistico stupefacente. Il Lecce non molla, sfiora il raddoppio, gli viene negato un rigore; il portiere para l'impossibile a Gilardino ed a Torino diventa partita vera. Il Toro pressa e vuole vincere, sfiora la segnatura ma anche il Genoa due volte in contropiede rischia poi all'89 Milito trova il varco. Il Genoa è davanti alla Fiorentina. Tutti esultano per un'insperato successo, il più grande della storia rosso blu... approdare ai preliminari della competizione europea più importante. L'arbitro non da' recupero e l'ultimo minuto il Toro lo impiega con un fallaccio da espulsione di Abate su Juric. Saccani fischia ma a Lecce sono indietro di 40 secondi ed all'89 e 20 secondi Martin Jorgensen nell'ultima azione del match pareggia per la Fiorentina rendendo vano il successo del Genoa. A Torino era già finita a Lecce mancava un minuto. Se la viola avesse pareggiato prima o Saccani avesse dato 3 minuti di recupero il Genoa avrebbe preso gol. Fatti non parole.