Un abbraccio da ''orso bianco'' [dal muro]
Fiorini   
 

ieri sera il derby, l'ho guardato da solo, come al solito e non insieme agli amici di una vita come tutte le partite nel solito punto della Nord. Ho vagato, da quando sono entrato, di sotto a destra, a sinistra, di sopra. Finito il primo tempo mi risposo, parlo dal bar con amici e poi ritorno di sopra, vicino a me c'è un signore vicino alla sessantina con una sciarpa un po' atipica, dopo una ventina di minuti, sento che non conosce i cori della Nord, che non parla un italiano perfetto, quando ci incazziamo per l'ennesimo passaggio indietro, pure sbagliato. Allora gli chiedo di dov'è, lui mi dice che è norvegese, ma è alla mia seconda domanda che rimango basito, quando chiedo dove vivesse qua a Genova, mi risponde che lui non vive a Genova di Genova era suo nonno, lui è arrivato dalla Norvegia per vedere il derby ed il suo Genoa e per una promessa fatta a sua mamma, quella di andare a trovare il nonno al cimitero di staglieno. Io l ho abbracciato lui si è commosso, intanto la partita era chiusa con il 2-0 degli ospiti, lui mi ha detto io sono ottimista, ti direi che pareggiamo, ma aver parlato con te è già una cosa bellissima, finita la partita mi da la sua mail, io chiedo se verrà a vedere ancora il Genoa quest anno, mi dice di si ma non sa ancora quale partita, andiamo via, ma ad un certo punto sento la Nord cantare, cantare allora gli dico, vieni ti faccio vedere cosa vuol dire essere Genoani, non che tu non lo sia ma vivendo lontano magari certe cose non le puoi vivere. Andiamo nella Nord di sotto e sembra che il derby lo abbiamo vinto noi. Lui non conosceva nessuna parola di un giorno all'improvviso, ma l'abbiamo cantata a squarciagola, abbracciati e pieni di orgoglio, lho presentato ai miei amici increduli, un nonno, ho poi scoperto che era già nonno, che saltava con la sua sciarpa e imitava i suoni delle nostre canzoni. Mi ha salutato dicendomi forza Genoa e chiedendomi se come si dice dalle sue parti, può darmi un abbraccio "da orso bianco".

Mi ha fatto scricchiolare le ossa
ed il cuore
Grazie Kim, il più bel derby della mia vita