Come ti senti Enrico? [dal muro]
Giannino   
 

Siamo alle solite.
Ogni volta che esce una classifica il Genoa è sempre primo o nelle primissime posizioni europee.
Tranne per quanto la riguarda la classifica di serie A che sembra ormai inesorabilmente inversamente proporzionale.
Oggi tocca al Cies, il centro internazionale di studi di sport, (non i nemici della stampa) a stilare una classifica dei migliori saldi attivi da calciomercato.
Il Genoa è secondo in Europa (dietro al Lille che, guarda caso, è sempre nelle primissime posizioni in Ligue one) e primo in Italia con un saldo di 193 mil nella decade 2010/19.
E noi siamo ancora qui a parlare di calcio?
Siamo ancora qui a parlare di Piatek?
A discutere della necessità, della difficoltà e relativa impellenza per l'acquisto di una centravanti, di un attaccante di qualità?
Di riscatti impossibili, di prestiti, di giocatori rotti e da aspettare, di calciatori che ci schiferebbero?
Di bilanci, di vendita della società, di Genova città morta, vecchia dove nessuno verrebbe mai ad investire?
Come ti senti Enrico, cosa pensi quando i tifosi leggono queste classifiche?
Certo:
"i Genoani capiranno".
Ma forse sarebbe giunto il momento che sia tu a provare a spiegarci qualcosa.
Come sia possibile che, a fronte di certe cifre, siamo qui ad elemosinare a mendicare qualche prestito, qualche favore.
Forse sarebbe giunto il momento che tornassi ad essere un presidente degno di questo nome.
A seguire la tua squadra, a prenderti i fischi e gli insulti che ti meriti e, col lavoro serio, a trasformarli in applausi.
Invece di frignare e fare la vittima.
Chiagni e fotti Enrico, chiagni e fotti.
Forza Genoa.