Amarezza [dal muro]
onda rossoblu   
 

Un'umiliazione dopo l'altra... Persino Juric, che qui aveva fatto ridere, è riuscito ad avere il suo momento di gloria.
Ma si sa, è un'impresa che riesce facilmente a chiunque.
Ormai convivo con quella sottile amarezza che ti assale già dal risveglio in lunedì come questi (e sono tanti) ma che in realtà poi realizzi che ti stai portando dentro da almeno 3 anni consecutivi.
ogni tanto uno sprazzo di effimera speranza, ti illudi che qualcosa forse stia girando per il verso giusto e neanche il tempo di un sorriso che ti arriva puntuale la mazzata successiva.
Inizio ad essere stanca di questo copione che non cambia mai se non in peggio.
Dopo lo scorso anno era difficile ipotizzare qualcosa di più orribile, ma se c'è una cosa in cui Preziosi è imbattibile ormai è l'abilità nell'involuzione, la capacità di riuscire a stupire in negativo anche quando credi di aver visto il peggio del peggio.
Ha dissipato tutto quello che c'era da dissipare... sogni, ambizioni, finanze, immagine, entusiasmo della gente.
Siamo sul lastrico sotto ogni punto di vista dopo aver avuto tra le mani il biglietto vincente della lotteria e averlo consapevolmente regalato, dando ufficialmente la stura a tutti i nostri guai.
Perché è da lì che tutto ha inizio. E questa cosa non gliela perdonerò MAI. Vattene, incapace.