Che cosa le dobbiamo ancora? [dal muro]
Giannino   
 

Abbiamo dovuto imparare a guardare prima ai bilanci che al campo.
Abbiamo dovuto accettare il principio del "non ci metto più un euro" quando, per rinforzare la squadra, non ci mette più neanche quelli del Genoa se non qualche "spicciolo" del suo fatturato, delle sue plusvalenze.
Abbiamo dovuto superare la vergogna di una retrocessione in C per illecito sportivo, l'ignominia che veniva riversata sul Genoa.
Abbiamo dovuto subire il fatto che una plusvalenza, che per altri è fonte di consolidamento investimenti sportivi e patrimoniali, per noi è linfa vitale.
Abbiamo dovuto considerare il mancato pagamento dell'erario come una forma lecito di autofinanziamento come se lo stato i soldi non li volesse, come se gli enormi interessi il Genoa non li dovesse pagare.
Abbiamo dovuto accettare che a metà campionato si parli ancora di moduli da adottare, di cambi di allenatori vilmente accusati.
Abbiamo dovuto mercificare l'emozione di un gol, di una parata, di un dribbling.
Abbiamo dovuto tollerare il tradimento sportivo di una mancata licenza uefa, i ricorsi, gli arbitri. Il dietro front finale.
Abbiamo dovuto ingoiare tutte quelle interviste ignobili, menefreghiste, irrispettose dei tifosi, quegli inutili trofei che portano solo polvere.
Abbiamo dovuto omologare il principio che una salvezza possa passare anche e soprattutto attraverso il demerito degli altri, i loro calendari, i loro incroci.
Abbiamo dovuto assoggettarci alla sua maestria nelle attribuzioni di colpe e responsabilità.
Abbiamo dovuto rinunciare a qualsiasi minima ambizione o logica aspettativa perchè la coppa Italia leva energie per il campionato e l'Europa league prevede investimenti che hanno un ritorno economico ritenuto inferiore.
Abbiamo dovuto razionalizzare l'amore più profondo.
Cosa le dobbiamo ancora presidente?
Di quale rispetto parla?
Perchè tutti questi avvenimenti son di gran lunga antecedenti a quello stupido offensivo e unanimemente condannato striscione.
Che lei continua a brandire come una scudo giustificatorio.
Trasformando una scusa nel solito pretesto.
Forza Genoa