Genoa-Sassuolo 1-1

28' pt Djuricic, 41' pt Sanabria

Commento
di SdG   ser20190203a

Centrocampo nuovo col debutto di Radovanovic e Lerager. Segna di nuovo Sanabria, e il punto può andare bene

Prandelli oggi è stato sorprendente e il pareggio conquistato dal Genoa è stato importantissimo. Il tecnico ha concesso il battesimo del Ferraris a Radovanovic e Lerager, i due neo acquisti appena aggregati alla rosa e con pochi allenamenti effettuati in gruppo. Inoltre ha schierato il Genoa con difesa a 4.

Nel primo tempo il Genoa ha sofferto il gioco del Sassuolo che è squadra collaudata, con buoni palleggiatori e che tatticamente cerca di aprire le difese giocando molto largo. Insomma emiliani con atteggiamento da grande squadra. Il predomino degli ospiti è stato controllato con difficoltà e rotto da rare verticalizzazioni. Esterni troppo bassi e poca pressione sui portatori di palla. Prima occasione Sassuolo è per Babacar che riceve in area al 2' minuto e gira fuori. Risponde Kouamé con azione personale e tiro a giro da venti metri respinto da un difensore in mischia.

Il vantaggio ospite arriva al 28' quando Duncan vince un corpo a corpo con Criscito e riparte, palla a Locatelli, in area rapido scambio con Berardi palla a Djuricic che elude la chiusura di Lazovic e Romero e batte Radu che non riesce a respingere di piede.



Duro colpo che impone un cambio di modulo, Kouamé ora è meno decentrato e supporto di più il centravanti. Il Genoa crea una buona opportunità con Sanabria, colpo di testa da buona posizione, a lato. Ma l'ex Betis trova il secondo gol in campionato al 41' quando Radovanovic cambia gioco e pesca Biraschi, palla a Lazovic che da destra mette in area, sponda di Kouamé e palla a Sanabria che segna sotto la nord con un tiro secco.

Ripresa con Sassuolo che si rientra in campo senza Sensi infortunato. La partita è molto combattuta. Ci sono due tentativi del Sassuolo con Bourabia e con Duncan. Ci prova Sanabria, diagonale che non trova la deviazione vincente di un compagno. Genoa più pericoloso nel finale con una bella azione che permette a Kouamé di tirare al volo di piatto, Consigli vola e mette in corner. Un po' di affanno nei minuti di recupero.

Nella ripresa sono entrati Veloso per Radovanovic al 31', poi Pereira per Bessa con spostamento di Lazovic a sinistra, infine Pandev per Sanabria. Pandev autore di un paio belle giocate, una con intervento da dietro che meritava il rosso, ma punita col giallo. Lerager ha giocato tutti i 90 minuti, pochi errori e molta corsa: quasi 12 km percorsi.

Non è stato un bel Genoa, ma è stato un Genoa da combattimento e decisamente più solido e attento del Genoa della partita di andata. Genoa un po' cantiere, con giocatori nuovi da scoprire e con la difesa a 4 che deve essere assimilata meglio. A Bologna mancherà Romero squalificato.


Il gol di Sanabria  


GENOA - SASSUOLO   1 - 1(22 - 03/02/19)
28' pt Djuricic, 41' pt Sanabria
Radu, Biraschi, Romero , Zukanovic, Criscito , Lazovic, Lerager, Radovanovic (31' st Veloso), Bessa(36' st Pereira), Kouamé, Sanabria (42' st Pandev) [All. Prandelli, Vodisek, Jandrei, Gunter, Lakicevic, Pezzella, Sturaro, Lapadula, Dalmonte]
Consigli, Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio , Duncan, Sensi (1' st Bourabia ), Locatelli, Berardi, Babacar (25' st Boga), Djuricic (39' st Matri) [All. De Zerbi, Satalino, Pegolo, Lemos, Ferrari, Adjapong, Brignola, Scamacca, Di Francesco]
Arbitro: Manganiello di Pinerolo - Corner: 4-6 - Recupero: 0' e 3' - Spett: 20.000