Genoa-Fiorentina 2-1

11' pt Zapata, 20' st Kouamé, 31' st Pulgar (rig)

Commento
di SdG   ser20190901a

Grande vittoria del Genoa, piů sofferta di quanto non abbia detto l'andamento della partita, ma meritatissima. In un Ferraris bollente per il tifo e per il clima asfissiante che opprime la cittŕ in questi giorni, i rossoblů hanno condotto la partita per 75 minuti, segnando un gol per tempo con Zapata su sviluppo di un corner, colpo di testa su cross di Ghiglione, e con Koumé in azione personale servito direttamente da Radu. Il Genoa ha colpito anche due pali con Romero e Radovanovic e mancato diverse volte il bersaglio con Lerager, Kouamé, Pinamonti, Ghiglione.

Senza contare le parate di Dragowski reattivo su conclusioni di Radovanovic e su due spettacolari conclusioni di Pinamonti. Tantissime occasioni da rete con le quali il Genoa avrebbe potuto chiudere le ostilitŕ ben prima del 95'.

Invece un rigore molto dubbio, il VAR non č stato consultato da Giacomelli, per un presunto contatto fra Romulo e Dalbert, ha rimesso in pista la Viola di Montella e il Grifone stremato ha dovuto soffrire fino all'ultimo secondo e ha rischiato di veder sfuggire di mano due punti quando Chiesa in pieno recupero ha colpito a sua volta il montante e ha impegnato Radu. Sarebbe stata un beffa, di quelle che sui campi di calcio succedono e si accettano, ma il Genoa ha tenuto fino alla fine e ha potuto esultare al triplice fischio.



Non č facile spiegare quanto č bello vedere certi fraseggi e certe azioni, certe giocate individuali come il cross di Barreca e il tiro al volo di Pinamonti, o il cross al volo impressionante di Ghiglione che riceve un pallone da Marte e lo gira in area per Pinamonti, che non impatta bene di testa. E si ripete con un traversone al volo che non trova pronto Kouamé nell'area piccola. Tanta attenzione a centrocampo e in difesa, reparti sollecitati da un avversario per niente facile, anzi di buona caratura, nonostante le due sconfitte consecutive col Napoli e con noi.

E' un Genoa che gioca e osa, senza timore di sbagliare e spendendo ogni energia. Si perdonano per questo alcune ingenuitŕ che ogni tanto fanno sobbalzare e si commettono impostando l'azione da dietro. Ci penseranno Andreazzoli e i suoi collaboratori che hanno giŕ conquistato la fiducia di tutti.


Il gol di Zapata  
Il gol di Kouamé  


GENOA - FIORENTINA   2 - 1(02 - 01/09/19)
11' pt Zapata, 20' st Kouamé, 31' st Pulgar (rig)
Radu, Romero , Zapata, Criscito , Ghiglione (25' st Romulo), Schöne, Radovanovic , Barreca (33' st Pajac), Lerager, Pinamonti (39' st Pandev), Kouamé [All. Andreazzoli, Jandrei, Marchetti, El Yamiq, Biraschi, Romulo, Jagiello, Aguelo, Sanabria, Favilli]
Dragowski, Lirola, Milenkovic, Pezzella, Ranieri, Castrovilli, Badelj (14' st Dalbert), Chiesa , Pulgar, Boateng (27' st Ribery), Sottil (27' st Vlahovic) [All. Montella, Terracciano, Venuti, Terzic, Cacere, Ceccherini, Zurkowski, Benassi, Montiel, Cristoforo]
Arbitro: Giacomelli di Trieste - Corner: 9-8 - Recupero: 2' e 5' - Spett: 23.000